agosto 20, 2018

L’arredamento del futuro

Negli anni cinquanta, se chiedevi ad un bambino come si immaginava le case del 2000 te le disegnava piene di tecnologia ed apparecchi che facevano di tutto. C’è da dire che la fantasia dei bambini non è certo andata lontano dalla realtà, anzi, possiamo dire che ha colpito nel segno. E, se lo chiediamo ad un bambino di oggi, come potrebbe immaginare la casa futura?

Mobili multiuso ed elettrodomestici intelligenti

Per i bambini di oggi è molto più difficile immaginare la casa del futuro. Molte abitazioni, negli anni cinquanta, erano  prive di elettrodomestici e i mobili avevano un ruolo ben preciso: l’armadio per riporre i vestiti, la sedia per sedersi, ecc., ma oggi tante cose ci sono già, quindi cosa succederà con il passare del tempo?

Una delle rivoluzioni degli ambienti abitativi del futuro sarà proprio dovuta ai mobili che acquisteranno una funzione multiuso. Uno sgabello, ad esempio, potrà tranquillamente fungere da seduta, ma anche da comodino o da piccolo tavolino porta oggetti. Tutto ridurrà le sue dimensioni per adeguarsi alle nuove strutture abitative sempre più piccole e al nuovo trend commerciale, visto che molti mobili sono acquistati sul web, quindi devono essere comodi e leggeri per poter essere spediti. La prova? Lo studio di mobili di 4D (che acquisteranno la loro forma originale tramite stimolazione idrica) o quelli in cartone: facili da piegare e da spedire.

Gli elettrodomestici, ormai, fanno parte di tutte le case, quindi non resta che potenziare la loro intelligenza artificiale. Potranno essere connessi tra loro e controllabili attraverso un app: sei in ufficio e comunichi alla tua lavatrice di fare il bucato o al forno di avviare la cottura dell’arrosto. A questo si aggiungono forni muniti di ricette già pre-impostate, fornelli e cappe che si parlano, frigoriferi che ti dicono cosa devi acquistare, senza neppure doverli aprire e ti aiutano anche a scegliere gli ingredienti per una ricetta che vuoi realizzare. Le case del futuro saranno autonome in tutto per tutto, a questo punto solo noi esseri umani siamo davvero inutili.

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *