L’Internet senza fili è salito alla ribalta nel 1999, quando si è cominciato a parlare di reti wi-fi come alternativa alla consueta connessione via cavo. Con il termine wi-fi si fa riferimento a una tecnologia di rete wireless che permette ad apparecchi elettronici come pc, cellulari e altri dispositivi di comunicare tra loro attraverso un segnale che può essere trasmesso senza l’ausilio di fili. Scendendo nel dettaglio, si tratta di un segnale radio ad alta frequenza che viene utilizzato per trasmettere dati ad alta velocità. Tra i numerosi vantaggi delle connessioni wi-fi c’è sicuramente la possibilità di gestire la comunicazione di rete senza cavi e di risparmiare sugli oneri di posa. Tra l’altro, la rete wi-fi può arrivare ovunque ed essere installata in modo rapido e veloce. Terzo vantaggio: questa tipologia di connessione permette di inviare o ricevere dati in completa sicurezza e senza interferenze di rete.

Come il wi-fi ha rivoluzionato l’internet senza fili

La tecnologia Wi-fi ha modificato in modo rivoluzionario la modalità di fruizione della rete da parte degli utenti. Si stima che entro il 2022 il 59% del traffico internet globale arriverà proprio attraverso connessioni wi-fi (fonte Cisco). Non solo, il wi-fi non ha ancora smesso di stupire in quanto non permette solo di utilizzare internet senza fili con il Pc o lo smartphone, ma anche di sfruttare le potenzialità di Internet of Things. Per far capire il modo con cui il wi-fi ha rivoluzionato internet senza fili si pensi che nel 2012 un quarto delle famiglie di tutto il mondo era connessa alle reti wi-fi (per maggiori informazioni su internet senza fili è possibile visitare la pagina https://chetariffa.it/blog/internet-wireless). Al giorno d’oggi ci sono moltissimi provider che propongono offerte wi-fi davvero molto conveniente e, all’interno dell’offerta, includono anche un router in comodato d’uso o senza alcun costo aggiuntivo. Il consiglio è quello di utilizzare strumenti come i comparatori gratuiti (CheTariffa.it, Comparasemplice.it e molti altri) per trovare l’offerta migliore per le proprie specifiche esigenze di navigazione.

Due esempi di connessione a internet senza fili

Ci sono due tipi diversi di connessione a internet senza fili: la connessione ADSL e la connessione satellitare. La connessione ADSL è quella tradizionale: un dispositivo si collega a internet mediante il segnale radio trasmesso dal router. Nel caso della connessione a internet satellitare, quest’ultima è ideale nelle zone che non sono coperte da Adsl o Fibra Ottica – nonostante la copertura Adsl sia ormai capillare, ci sono ancora delle zone che non sono raggiunte da queste tecnologie di connessione – perché fa a meno dei cavi telefonici: questo genere di tecnologia funziona mediante un sistema di satelliti orbitanti intorno alla Terra che garantiscono una copertura pressoché completa. Questi ultimi trasmettono il segnale alle cosiddette NOC (Network Operations Center) che, a loro volta, interagiscono con la parabola e il modem collegato. Dunque, per sfruttare la connessione satellitare occorre avere una parabola satellitare, che spesso viene fornita al cliente in comodato d’uso al momento della sottoscrizione del contratto. L’Adsl satellitare è sicuramente meno stabile rispetto alle altre tipologie di connessione per via dell’esistenza di eventuali barriere naturali o a casa degli eventi atmosferici che potrebbero limitare la trasmissione del segnale radio.

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *