Quali sono le riserve naturali più belle della Puglia?

Puglia: mare, arte, natura e molto altro

Molti hanno imparato ad apprezzare la Puglia per le enormi ricchezze che mette a disposizione dei suoi visitatori. Un territorio intriso di arte, storia, cultura e tradizione, contornato da spiagge favolose che lo rendono territorio di conquista durante il periodo estivo.

Molti non sanno che la Puglia è anche una terra di riserve naturali affascinanti, di aree protette molto suggestive. In questo articolo andremo a menzionare le più importanti e belle da vedere.

Le più belle e suggestive riserve naturali

La foce naturale del fiume Chidro. Non lontano da San Pietro in Bevagna si trova quest’oasi naturale molto bella. Il fiume Chidro scorre per circa 10 km sottoterra per poi fuoriuscire in un punto chiamato il “cratere” e scorrere per circa 500 metri verso il mare, con dei laghetti che ospitano pesci e volatili. Il paesaggio che si viene a creare dà origine ad un piacevole contrasto tra l’acqua cristallina e la verde vegetazione. L’acqua, come si può immaginare è molto fredda, ideale per un bel bagno tonificante! Non lontano troviamo una delle spiagge in assoluto più belle del Salento, Campomarino di Maruggio. Potremo prenotare una delle case vacanza Campomarino di Maruggio per poter visitare la riserva e raggiungere le meravigliose spiagge della costa ionica.

Non lontano da Brindisi troviamo la riserva naturale “Le Cesine”, un’area protetta dal WWF essendo di grande interesse paesaggistico e faunistico. In quest’area vengono infatti a sostare alcune specie di uccelli migratori durante la loro tratta dall’Africa all’Europa.

Le Saline di Margherita di Savoia sono le più grandi saline d’Europa. Nell’ultimo periodo quest’area è stata rivalorizzata attraverso dei percorsi ciclabili e di trekking che ci consentiranno di goderci lo spettacolo delle immense e sconfinate vasche piene di sale, con i riflessi rosei che diventano sempre più accesi quando ci si avvicina all’ora del tramonto.

La riserva naturale di Porto Selvaggio si trova a Nardò. Molti conosceranno la spiaggia di Porto Selvaggio, una tappa imperdibile per chi visita il Salento. La spiaggia si trova in una vasta porzione di macchia mediterranea ricca di diverse specie di vegetazione che arriva fino al limite di questo tratto di scogliera. Potremo attraversare il parco a passo di trekking o in sella ad una mountain bike. Potremo raggiungere così uno dei punti panoramici più suggestivi della Puglia, la Torre dell’Alto, una torre del 1500 che troneggia sulla costa che arriva sino a Gallipoli e su tutto il Parco.

Avete mai sentito parlare dell’itinerario dei giganti? No, non stiamo parlando di giganti letterali, ma di alberi, più specificamente degli ulivi millenari presenti nel parco agrario degli ulivi millenari. Nella zona tra Ostuni, Fasano e Carovigno c’è un’altissima concentrazione di ulivi la cui età viene stimata attorno ai 3000 anni fa! Questi alberi sono pertanto dei monumenti viventi, che nel corso del tempo hanno raggiunto un’imponenza impressionante, sviluppando delle forme e delle nodosità molto particolari. Esistono diversi percorsi e tratturi dove passeggiare tranquillamente con lo sfondo degli ulivi, dei muretti a secco, della terra rossa e le masserie. Un percorso incantevole che difficilmente ci lascerà indifferenti!

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *