come-conservare-e-proteggere-le-valigie

Il bagaglio a mano è la soluzione immediata per preservare i propri oggetti di valore da furti o danneggiamenti, ma come ci si deve comportare con quello da stiva? In questa guida verranno forniti dei consigli molto utili sia per evitare di farli finire nelle mani di persone poco oneste, sia per conservarle al meglio una volta tornati a casa.

Pellicola Trasparente e Assicurazione Bagaglio

In tutti gli aeroporti si trova il servizio di avvolgitura di valigie da stiva con del film trasparente ad un prezzo molto abbordabile, ma questo rimedio è un’arma a doppio taglio: se un bagaglio risulta eccessivamente protetto, potrebbe attirare l’attenzione dei ladri, specialmente durante gli scali da un aeroporto all’altro quando possono agire liberamente.

Una soluzione più efficace è sicuramente l’acquisto di un’assicurazione di viaggio, reperibile anche sul web a partire da pochi Euro. Per trovare quella più adatta alle proprie esigenze basterà confrontare i vari pacchetti offerti dalle diverse compagnie assicurative. Alcune offrono addirittura tutela da rapina, scippo e rimborso spese per l’acquisto dei beni di prima necessità.

Come Proteggere le Valigie Durante il Viaggio

Quando si deve viaggiare in aereo è bene portare con sé solo lo stretto necessario, specialmente i beni di valore.
Se le esigenze sono diverse, il consiglio è di scegliere una compagnia aerea che consenta di trasportare più di un bagaglio a mano o con un peso superiore ai canonici 8 kg.
Per quanto riguarda i bagagli da stiva, oltre alla pellicola trasparente, è consigliato utilizzare un segno di riconoscimento (può trattarsi di un’etichetta, di un portachiavi, di un adesivo e via discorrendo), ma anche delle valigie dotate di combinazione o lucchetto.

Un altro accorgimento molto importante è non utilizzare delle valigie di lusso o con colori eccessivamente vistosi che attirerebbero inesorabilmente l’attenzione del personale addetto allo smistamento bagagli.
Se si deve viaggiare in treno, evitare il più possibile di allontanarsi dalla propria valigia, magari sistemandola in un luogo sempre a portata di sguardo, per esempio negli spazi sopra i sedili o tra una poltrona e l’altra.

Nel caso in cui si dovessero depositare negli alloggiamenti a inizio carrozza, è bene legarli alla rastrelliera dei ripiani con dei lucchetti a cavo estensibile.
Qualora il viaggio avvenga in orari notturni, è una buona idea utilizzare uno zaino come cuscino, specialmente per gli oggetti più costosi e per i documenti.

Come Pulire le Valigie

Il viaggio è andato per il verso giusto? Molto bene, ma è ora di pulire le valigie per far sì che si conservino al meglio una volta tornati a casa.
Qualunque sia la tipologia di spostamento (auto, aereo o treno), le valigie diventano un vero e proprio ricettacolo di germi e sporco, in quanto prendono polvere e si macchiano con grande facilità.
Prima di riporle è dunque necessario svuotare tutte le tasche e pulirle accuratamente per scongiurare cattivi odori o altri spiacevoli inconvenienti. Dato che ogni composizione (tessuto, alluminio o materiale rigido) richiede una pulizia specifica, verranno illustrate le migliori modalità di pulizia.

Pulizia delle Valigie in Tessuto

Vi sono due tipologie di valigie in tessuto: quelle morbide e quelle rigide.

Pulizia valigie morbide: è innanzitutto necessario metterle a rovescio e scuoterle energicamente per eliminare ogni residuo solido di sporco, dopodiché si possono lavare in lavatrice a 30° con poco detersivo e ammorbidente.
È anche possibile lavarle a mano, ma avere cura di lasciarle ammollo per almeno un paio d’ore e di risciacquare molto bene per evitare che rimangano aloni di detersivo sulla superficie; prima di procedere con la detersione con un panno inumidito, bisogna passare un’aspirapolvere per eventuali briciole nella parte interna ed esterna.

Nota bene: prima di procedere con il lavaggio, controllare che all’interno delle valigie non siano presenti parti in cartone che a contatto con l’acqua si danneggerebbero irrimediabilmente.

Pulizia delle valigie rigide: l’interno deve essere pulito con un’aspirapolvere da briciole, mentre l’esterno con un panno inumidito di detergente sgrassante delicato per non danneggiare la superficie.

Pulizia delle Valigie in Alluminio

Le valigie in alluminio possono essere pulite con una soluzione d’acqua e aceto, acqua e bicarbonato in parti uguali oppure alcol denaturato.
In caso di dubbi circa la pulizia della propria valigia nel suddetto materiale, è bene chiedere informazioni alla casa produttrice per evitare danni irreparabili.

Rimuovere Etichette e Adesivi

Adesivi ed etichette possono essere rimossi nel giro di pochi secondi puntandovi contro l’asciugacapelli ad alta velocità, in quanto il calore ne scioglie velocemente la colla.
Evitare di staccarli a mano per non lasciare antiestetici aloni.

Occhio alle Ruote

Poiché le ruote delle valigie sono le parti più sporche, è bene pulirle con uno sgrassatore e se non scorrono bene ungerle con poco olio minerale.

Come Riporre le Valigie

Una volta lavate le valigie, farle asciugare perfettamente al sole o accanto ad un termosifone per evitare l’insorgere di umidità e cattivi odori.
Inserire al loro interno un deodorante per tessuti oppure delle tavolette profumate anti tarme (quelle alla cannella e al cedro sono perfette).
Quando è il momento di metterle via, inserire delle bustine di silice in gel (assorbe l’umidità), chiudere tutte le lampo, ma lasciare una piccola fessura per consentire la circolazione dell’aria.

Se si possiedono delle valigie molto costose, è consigliato avvolgerle nella bobina trasparente per imballo per una perfetta conservazione, specialmente se verranno riposte in luoghi molto umidi.
Si può anche optare per delle vecchie tovaglie oppure di cucire delle fodere in tessuto su misura.

Dove Riporre le Valigie

Una volta che le valigie sono state lavate e profumate, bisogna decidere dove riporle.
Se se ne possiedono diverse con misure differenti, si può pensare di guadagnare spazio prezioso inserendone una dentro l’altra.
Possono essere collocate in garage, cantina, soppalco, sgabuzzino o solaio, ma se non si dispone di uno di questi locali vanno bene anche le parti superiori degli armadi, gli spazi dietro alle porte/mobili o sotto il letto.
Nel caso in cui si viaggiasse spesso e si dispone di una valigia di dimensioni contenute, è un’ottima idea tenerla a portata di mano per evitare di tribolare ogni volta che occorre utilizzarla.

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *